Una donna sospesa

Guanda, Prima edizione, 2013

Traduzione di Roberta Bovaia

 

La presentazione dell'editore

  È un agosto torrido a Madrid quando il sergente Rubén Bevilacqua, detto Vila, inquieto investigatore della Guardia Civil con una laurea in Psicologia nel cassetto, viene distolto da una serie di indagini inconcludenti nel mondo della malavita di provincia e convocato nell’ufficio del comandante. Nella Maiorca assediata dai turisti una bellissima ragazza austriaca è stata ritrovata appesa alla trave di una villetta in affitto, completamente nuda e con due proiettili in corpo. I comportamenti oltremodo spigliati e lo stile di vita promiscuo della vittima, dall’evocativo nome di Eva Heydrich, fanno pensare al delitto passionale. E i sospetti si sono subito concentrati su Regina Bolzano, una donna più anziana di lei, sua ultima convivente, che pare essersi volatilizzata. Ma ci sono troppi particolari che non quadrano, per questo il brigadiere del comando locale ha chiesto aiuto a Madrid. E per questo Vila si imbarca per l’isola affiancato da una giovane guardia in seconda, Virginia Chamorro, fresca di Accademia militare, solo apparentemente inesperta e impacciata, che dovrà fingere di essere la sua fidanzata per rendere più efficaci le indagini. Fra locali notturni e villaggi turistici, lussuosi yacht e bettole di quart’ordine, si muove una brulicante umanità di forzati del divertimento vacanziero, isolani che tentano di sbarcare il lunario, ex legionari, mafiosi, yuppie sballati e aspiranti ereditieri senza scrupoli. E ogni volta che la stramba coppia di investigatori in tenuta balneare sembra individuare un potenziale colpevole, si apre una nuova pista…     

Una recensione

"Si chiama Rubén Bevilacqua, si fa chiamare Vila perché sembra proprio che gli spagnoli trovino difficile pronunciare il suo cognome. Uruguyano con un bisnonno italiano e una madre spagnola, Vila ha una laurea in Psicologia ma ha capito presto che sarebbe morto di fame lavorando in quel campo. Perciò è entrato nel corpo delle Guardia Civil di Madrid e fa l’investigatore. Non dice molto di se stesso, dovrebbe avere più o meno trentacinque anni, abbastanza vecchio da considerare giovanissima la collega Chamorro (la chiama sempre con il cognome, scopriamo tardi che si chiama Virginia), abbastanza giovane da non essersi buttato l’amore alle spalle. Anche se è un cinico, smaliziato, irriverente, brusco e ironico. Vila e Chamorro vengono mandati nell’isola di Maiorca per investigare sulla morte di una giovane e bellissima ragazza austriaca. Eva Heydrich è stata trovata appesa alla trave del soffitto di una villa presa in affitto dall’amica Regina Bolzano, svizzera e molto più anziana di lei. Non si tratta di suicidio: la vittima, interamente nuda, ha due pallottole in corpo. Regina è scomparsa: è stato un delitto passionale? Vila e Chamorro sono ‘travestiti’ da turisti, è facile confondersi nella folla dei vacanzieri in cerca di divertimento. Facile anche raccogliere pettegolezzi più o meno fondati sulle due donne, una volta che si sa quali locali frequentassero. Il legame tra le due donne era chiaramente di natura lesbica, ma chissà quanto deve essere stata gelosa Regina, testimone del comportamento sfacciatamente promiscuo della bellissima Eva. E tuttavia pare proprio impossibile che la donna più anziana sia l’assassina. Ci sono le sue impronte sulla piccola pistola con cui sono stati sparati i colpi, ma è improbabile che Regina abbia avuto la forza di trascinare il cadavere in casa (perché poi farlo passare da una finestra se lei aveva le chiavi?) e issarlo con la corda alla trave. Uno dopo l’altro Vila e Chamorro incontrano una serie di persone che possono essere state implicate nel delitto- un affascinante djay che è stato nella Legione Straniera, una donna alquanto ambigua che fa la cameriera in un ristorante, due coppie di italiani. Quello che salta fuori è che Eva se la faceva con tutti, uomini e donne, cambiando partner a velocità impressionante. E gli alibi sono difficili da controllare. Vila e Chamorro si divertono parecchio, loro malgrado. E noi lettori insieme a loro. Perché, per farsi un’idea di quello che è successo, le due Guardias devono frequentare discoteche e locali notturni, bere più di quanto mai si sognerebbero di fare in divisa, flirtare con chi potrebbe lasciarsi sfuggire qualcosa di interessante su Eva, andare a fare il bagno in una spiaggia per nudisti (svestiti appropriatamente, si intende). E così Chamorro, così seria e pudica alla partenza, svela di avere un fisico da urlo (e dire che Vila avrebbe preferito partire con un’altra Guardia, corteggiata da tutto il Corpo!) e un comportamento sexy che fanno cambiare idea al nostro Vila. Quando già ci sono due persone agli arresti, accusate di omicidio, quando la soluzione del caso sarebbe di gradimento ai piani alti della polizia, una brillante intuizione di Vila causa un colpo di scena radicale, con un affondo nello stile di vita della gioventù in cerca di divertimento. Il ritmo del romanzo di Lorenzo Silva è veloce, lo stile è brillante. La lettura ci diverte, restiamo contagiati dall’umorismo e dall’autoironia del protagonista. Aspettiamo con curiosità il nuovo caso di Rubén Bevilacqua: ci saranno degli sviluppi nella storia neppure incominciata tra di lui e la bella Virginia Chamorro?"
 

Marilia Piccone, Stradanove


7

Cedido a cualquiera que lo use sin ánimo de lucro
Copyright, Lorenzo Silva 2000-2013